RIVISTA WEB


Dalla carta al web
 

Amministrazione e Contabilità dello Stato e degli Enti Pubblici, che dal 1979 va pubblicando i migliori contributi all’elaborazione scientifica di tutto quanto ruota intorno al diritto contabile pubblico, dopo un periodo sperimentale, lascia definitivamente la carta stampata per il web.
I costi di gestione di una iniziativa, che costituisce volonteroso impegno di studiosi di contabilità pubblica, docenti universitari,
avvocati, magistrati e funzionari, non consente più la pubblicazione del testo cartaceo, nonostante l’impegno dell’editore Pagine di Roma che continuerà a diffondere, quando possibile, volumi monografici su tematiche di interesse scientifico.
Contiamo sempre sull’interesse degli operatori del diritto per incrementare le riflessioni indotte dalla legislazione contabile, dalle pronunce della giurisprudenza, dalle pubblicazioni che in qualche modo affrontano i temi dell’amministrazione e della contabilità. Ci attendiamo molto dai magistrati della Corte dei conti e dagli avvocati patrocinanti dinanzi alle sezioni della giurisdizione contabile, a Roma e nelle regioni, laddove si dibattono questioni attinenti ai giudizi di responsabilità erariale e di conto. Il decentramento della giurisdizione, a partire dai primi anni ’90 ha ampliato l’attenzione delle università e dell’avvocatura per la giurisdizione contabile un tempo riservata pressoché esclusivamente al Foro romano.
Anche l’istituzione delle Sezioni regionali di controllo, con l’assegnazione alla Corte dei conti di rilevanti attribuzioni di verifica della gestione finanziaria e patrimoniale delle regione e degli enti locali, ha ampliato l’attenzione del mondo accademico e del Foro nei confronti di una Istituzione che, anche in ragione della funzione consultiva, influisce in modo determinante sulla attività delle amministrazioni locali.
Immaginiamo, dunque, per Amministrazione e Contabilità una nuova stagione, con nuovi collaboratori e rinnovato interesse per quanti fin qui ci hanno consentito di pubblicare contributi di elevato interesse scientifico che hanno anche guidato amministratori e funzionari nella gestione di risorse pubbliche importanti a Roma e nelle regioni.

Salvatore Sfrecola




Amministrazione e Contabilità dello Stato e degli Enti Pubblici

Bimestrale di Dottrina, Giurisprudenza e Documentazione


FASCICOLO n. 2 del 30/04/2018

Marzo-Aprile 2018


DOTTRINA

"NOTA A CONSIGLIO DI STATO - SEZ. TERZA - ORDINANZA N. 5492/2017" dell'Avv. Lucia Iacoboni.
"NOTAZIONI A MARGINE DELL’ISTITUTO DEL PROJECT FINANCING, NEL QUADRO DELLA RIFORMA COSTITUZIONALE DEL 2001" del Dottor Sergio De Dominicis.
"Come colmare l'abisso tra governanti e governati? L'insegnamento di Luigi Galateria nei ricordi di un allievo" di Renato Federici, Professore associato di diritto amministrativo a r. Università di Roma-Sapienza.
"LA COMPENSATIO LUCRI CUM DAMNO IN DIRITTO PRIVATO: APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO DELLA COMPENSAZIONE NEI GIUDIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI" di Antonio Vetro, Presidente on. della Corte dei conti.
"IL CONTROLLO E LA GIURISDIZIONE DELLA CORTE DEI CONTI SULLE SOCIETA’ A PARTECIPAZIONE PUBBLICA ALLA LUCE DEL TESTO UNICO" di Valentina Alonzi, Funzionario della Corte dei conti.
 

GIURISPRUDENZA

Corte dei conti, Sezione Giurisdizionale d’Appello per la Regione Siciliana - Sentenza n. 73 del 14 aprile 2018 - Dopo un'analitica disamina della più recente giurisprudenza della Corte Costituzionale, riguardante norme finalizzate al riequilibrio del sistema previdenziale ed al contenimento della relativa spesa, la Sezione d'Appello per la Sicilia ha dichiarato la manifesta infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale, che erano state prospettate da varie parti nei riguardi dell'art.22 della L.R. n.21/2014, che ha istituito il "contributo di solidarietà" sulle pensioni degli ex dipendenti della Regione siciliana d'ammontare superiore ad € 50.000,00; in particolare, è stata esclusa la natura tributaria del contributo di solidarietà ed è stata affermata la sua conformità ai principi sanciti dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 173/2016. da www.corteconti.it
Corte dei conti, III Sezione giurisdizionale d'Appello - Sentenza n. 104 del 27 marzo 2018 - La definizione del giudizio con il c.d. rito abbreviato (art. 130 codice della giustizia contabile) dà luogo ad una pronuncia di merito che presuppone come accertati gli elementi costitutivi della responsabilità amministrativa (rapporto di servizio, antigiuridicità della condotta, colpa grave, nesso di causalità, danno). La sentenza che definisce il giudizio a seguito di rito abbreviato non potrebbe essere assimilata ad una pronuncia in rito diversi essendone gli effetti. Mentre quest’ultima non estingue l’azione, che potrebbe essere riproposta in altro giudizio, la definizione ex art. 130 c.g.c. dà luogo alla soddisfazione della pretesa risarcitoria erariale. Trattandosi di una sentenza di condanna, la sentenza emessa su rito abbreviato comporta l’addebito delle spese processuali a carico della parte privata dando luogo ad una “soccombenza virtuale”. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Lazio - Sentenza n. 119 del 15 marzo 2018 - La Sezione, in una situazione connotata da gravi deficienze riguardanti una struttura sanitaria accreditata, ha assolto alcuni dirigenti e funzionari regionali dall’ipotizzato danno da soprafatturazione di posti letto in day hospital, non rilevando sussistente l’elemento soggettivo della colpa grave nell’incertezza del numero degli accreditamenti che potevano essere disposti. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Lazio - Sentenza n. 117 del 13 marzo 2018 - Due impiegate sono state condannate, a titolo di dolo ed in via solidale, a risarcire gli ammanchi alle casse di un municipio romano provocati dall’appropriazione indebita di somme derivanti da oneri di urbanizzazione pagati in contanti ed in loro mano dai contribuenti. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezione Giurisdizionale d’Appello per la Regione Siciliana - Sentenza n. 47 del 5 marzo 2018 - Pronunziandosi in tema di “ricorso del Pubblico Ministero nell’interesse della legge” in materia pensionistica, di cui all’art. 171 del D.L.vo n.174/2016, la Sezione d’Appello per la Sicilia ha affermato che: il P.M. (che viene ad assumere una veste di “parte meramente formale”) non può intervenire nell’ambito del processo pensionistico (in cui le parti sostanziali, pubbliche e private, si trovano ad operare su un piano di perfetta “parità” tra di loro) allo scopo di tutelare un interesse concreto, di cui sia titolare un determinato Organo od Ente della P.A. od una parte privata, ma esclusivamente al fine di salvaguardare, ove ne sussista oggettivamente l’impellente necessità, i superiori interessi generali alla corretta applicazione della legge ed alla piena attuazione dei principii fondamentali dell’ordinamento giuridico; in tale peculiare ottica, il P.M. può proporre ricorso alla competente Sezione d’Appello avverso una sentenza di primo grado in materia pensionistica non già per stigmatizzare qualsiasi ipotetico “errore di diritto” in essa ravvisabile (la cui eventuale rimozione resta riservata all’iniziativa processuale della “parte sostanziale” direttamente interessata) ma soltanto nei casi eccezionali in cui la decisione risulti viziata da un’interpretazione palesemente abnorme ed irrazionale della normativa vigente o da una sua applicazione del tutto arbitraria rispetto alla fattispecie concreta dedotta in giudizio o da un’immotivata divergenza da basilari principii giurisprudenziali. da www.corteconti.it


DOCUMENTAZIONE

Corte dei conti, Sezioni delle Autonomie - Delibera n. 8 del 26 aprile 2018 - Linee guida per la relazione dei revisori dei conti dei comuni, delle città metropolitane e delle province sui bilanci di previsione 2018-2020 per l’attuazione dell’art. 1 comma 166 e seguenti della legge 23 dicembre 2005 n. 266. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezioni delle Autonomie - Delibera n. 6 del 26 aprile 2018 - Incentivi per funzioni tecniche e trattamento economico accessorio (art. 113, d.lgs. 50/2016 - art. 1, co. 526, legge 27 dicembre 2017, n. 205). da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezioni riunite in sede di controllo - Delibera n. 4 del 26 aprile 2018  - Ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto Istruzione e Ricerca per il triennio 2016-2018. da www.corteconti.it

 

 www.contabilita-pubblica.it                                                                                           ISSN 0393-5604

 

 

Amministrazione e Contabilità dello Stato e degli Enti Pubblici

Bimestrale di Dottrina, Giurisprudenza e Documentazione


FASCICOLO n. 1 del 28/02/2018

Gennaio-Febbraio 2018


DOTTRINA

"Francesco Carnelutti. Riflessioni polemiche sul Diritto internazionale" di Renato Federici, Professore associato di diritto amministrativo a r. Università di Roma-Sapienza.
"IL GIUDIZIO DI PARIFICAZIONE DEL RENDICONTO GENERALE DELL’ENTE REGIONE. PUNTI DI VISTA, INTERPRETAZIONI, ORIENTAMENTI IN FASE DI CONSOLIDAMENTO" di Rosario Scalia, Presidente di Sezione della Corte dei conti.
"PROBLEMATICHE RELATIVE AL DANNO ALL’IMMAGINE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, PERSEGUIBILE INNANZI ALLA CORTE DEI CONTI, DOPO L’ENTRATA IN VIGORE DEL C.D. CODICE DI GIUSTIZIA CONTABILE" di Antonio Vetro, Presidente on. della Corte dei conti.
"LA RESILIENZA DELLA LEGGE RINFORZATA SUGLI EQUILIBRI DI BILANCIO: MONITI E CORRETTIVI DELLA CONSULTA" nota del Prof. Pelino Santoro, Presidente on. della Corte dei conti alla Sentenza della Corte costituzionale 29 novembre 2017 n. 247: Pres. Grossi, Est. Carosi; Regioni Veneto, Friuli e Province autonome Bolzano e Trento (avv. Zanon, Falcon e Von Guggenberg) c. Governo della Repubblica (avv. Stato, De Bellis).

GIURISPRUDENZA

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Lazio - Sentenza n. 399 del 22 dicembre 2017 - La Sezione ha condannato, a titolo di dolo, l’ex amministratore delegato dell’AMA ed, a titolo di colpa grave, il direttore del personale per aver causato nel corso di alcuni anni un ingente danno erariale alla predetta società in house del comune di Roma, affidando illegittimamente ad una società privata l’incarico di reclutamento di personale con qualifiche non dirigenziali,. Rispondono dell’ingente danno anche: il presidente di commissione per aver concorso con dolo ad assumere a tempo indeterminato autisti falsificando il giudizio di idoneità, ed in relazione all’assunzione di altri dipendenti a chiamata diretta con delibera falsamente retrodatata per aggirare i limiti legislativi; nonché il direttore dell’ufficio legale per omessa vigilanza. Nella quantificazione del danno il Collegio ha valutato equitativamente il vulnus ai principi di cui all’art. 97 commi 2 e 4 Cost ed ha computato interamente gli esborsi subiti dalla partecipata in relazione alle retribuzioni corrisposte ai dipendenti licenziati perché falsamente idonei, riconoscendo solo una parziale compensatio lucri cum damno in relazione alle prestazioni dei dipendenti mantenuti in servizio, in mancanza della dimostrazione da parte requirente dell’inidoneità concreta al servizio prestato. da www.corteconti.it
.
Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per la Calabria - Sentenza n. 372 del 20 dicembre 2017 - La Sezione ha affermato che, nell’ipotesi di mancata realizzazione o, comunque, inutilizzabilità di un’opera pubblica, deve essere affermata la concorrente responsabilità del direttore dei lavori e del responsabile del procedimento, in quanto gli stessi sono tenuti a garantire e a controllare la corretta realizzazione dell’opera e la messa a disposizione in favore della collettività. In particolare, la Sezione ha precisato che, in tali fattispecie, la decorrenza del termine di prescrizione deve essere individuata nel momento in cui la condotta viene scoperta in tutte le sue componenti, oggettive e soggettive, coincidente, nel caso di specie, con la data di emissione del decreto di convalida del sequestro preventivo dei luoghi disposto per la particolare pericolosità della medesima opera pubblica. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per la Calabria - Sentenza n. 352 del 20 dicembre 2017 - La Sezione ha precisato che, nell’ipotesi di esercizio dell’azione revocatoria successivo a sentenza di condanna per responsabilità amministrativa, permane la legittimazione a promuovere l’azione revocatoria da parte del Procuratore presso la Corte dei conti (ancorché congiuntamente a quella dell’ente pubblico danneggiato) e, conseguentemente, la giurisdizione contabile. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per la Calabria - Sentenza n. 264  del 20 dicembre 2017 - La Sezione, con pronuncia interlocutoria, ha affermato la sussistenza della giurisdizione contabile in relazione al danno all’immagine della Regione Calabria, causato da un consigliere regionale. Il danno per cui quest’ultimo era stato convenuto in giudizio discende da gravi e reiterate violazioni degli obblighi di servizio, poste in essere in concorso con un magistrato (del pari convenuto per il danno all’immagine), consistenti in condotte collusive con cosche mafiose del reggino. La Sezione ha in particolare precisato che, anche nella previgente disciplina del danno all’immagine, rappresentata dal d.l. 1 luglio 2009, n. 78, convertito con l. 3 agosto 2009, n. 102, erano sottoposti a tale fattispecie di responsabilità erariale tutti i soggetti legati alla pubblica amministrazione da un rapporto di servizio; tra questi anche i consiglieri regionali, non assumendo rilievo scriminante l’immunità loro conferita per le manifestazioni di volontà di carattere politico. da www.corteconti.it
.

OSSERVATORIO BANCARIO E FINANZIARIO IN EUROPA E NEL SISTEMA REGOLATORIO INTERNAZIONALE

"L’EVOLUZIONE DELLA SUPERVISIONE PUBBLICA SUI CONFIDI" di Davide Siclari, Dottore di ricerca in Diritto pubblico dell’economia – Sapienza Università di Roma.

DOCUMENTAZIONE

Corte dei conti, Sezione di controllo per l'Umbria - Inaugurazione dell’anno giudiziario 2018 della Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Regione Umbria - Intervento del Presidente della Sezione di controllo per la Regione Umbria Fulvio Maria Longavita.
Corte dei conti, Sezione di controllo per il Lazio - Inaugurazione dell’anno giudiziario 2018 della Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Regione Lazio - Intervento del Presidente della Sezione di controllo per la Regione Lazio Carlo Chiappinelli.

 

 www.contabilita-pubblica.it                                                                                           ISSN 0393-5604

 

 

 

Amministrazione e Contabilità dello Stato e degli Enti Pubblici

Bimestrale di Dottrina, Giurisprudenza e Documentazione


FASCICOLO n. 2 del 31/12/2017

Novembre-Dicembre 2017


DOTTRINA

"LA QUALIFICAZIONE DEL CONSORZIO STABILE TRA NORMATIVA VIGENTE E DISCIPLINA PREVIGENTE" di Edoardo Giardino.
"SPECIFICITÀ DEL SISTEMA PROBATORIO DEL GIUDIZIO DI RESPONSABILITÀ ERARIALE DI PRIMO GRADO" di Fulvio Maria Longavita, Presidente della Sezione di Controllo della Corte dei conti per la Regione Umbria.
"CENNI SULLE POLICIES REGIONALI DELLO SPETTACOLO CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE FUNZIONI DELLE FILM COMMISSION PER LO SVILUPPO DELLA PRODUZIONE AUDIOVISIVA SUL TERRITORIO" di Alfonso Contaldo, docente di Diritto dell’informazione e della comunicazione digitale nell’Accademia delle Belle Arti di Roma.
"IL RIMBORSO DELLE SPESE LEGALI PER I CONVENUTI ASSOLTI NEI GIUDIZI DI RESPONSABILITÀ DINANZI ALLA CORTE DEI CONTI" di Antonio Vetro, Presidente on. della Corte dei conti.

GIURISPRUDENZA

Corte di Cassazione – Sezioni unite civili Sentenza n. 24675 del 19 ottobre 2017 - L'usura sopravvenuta non ha diritto di cittadinanza nel nostro ordinamento giuridico. Breve nota di commento a cura del Dottor Salvatore Ganci, Funzionario della Corte dei conti.

LEGISLAZIONE

LEGGE 27 dicembre 2017, n. 205 "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020" (GU n. 302 del 29-12-2017 - Suppl. Ordinario n. 62).
LEGGE 4 dicembre 2017, n. 172 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili. Modifica alla disciplina dell'estinzione del reato per condotte riparatorie". (GU n. 284 del 5-12-2017).
LEGGE 30 novembre 2017, n. 179 "Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarita' di cui siano venuti a conoscenza nell'ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato". (GU n. 291 del 14-12-2017).
LEGGE 20 novembre 2017, n. 167 "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea - Legge europea 2017". (GU n. 277 del 27-11-2017).
LEGGE 3 novembre 2017, n. 165  "Modifiche al sistema di elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Delega al Governo per la determinazione dei collegi elettorali uninominali e plurinominali". (GU n. 264 del 11-11-2017).

DOCUMENTAZIONE

Corte dei conti, Sezioni riunite in sede consultiva - Delibera n. 4 del 22 dicembre 2017 - Parere sullo schema di decreto legislativo integrativo e correttivo del decreto legislativo in materia di riordino della disciplina per la gestione del bilancio e il potenziamento della funzione del bilancio di cassa in attuazione dell’art. 42, comma 1, della legge 31 dicembre 2009, n. 196.

   

     www.contabilita-pubblica.it                                                                                           ISSN 0393-5604

 

 

 

Amministrazione e Contabilità dello Stato e degli Enti Pubblici

Bimestrale di Dottrina, Giurisprudenza e Documentazione


FASCICOLO SPECIALE n. 1 del 31/10/2017

Gennaio - Ottobre 2017


DOTTRINA

"IL RIMBORSO DELLE SPESE LEGALI PER I CONVENUTI ASSOLTI NEI GIUDIZI DI RESPONSABILITÀ DINANZI ALLA CORTE DEI CONTI" di Antonio Vetro, Presidente on. della Corte dei conti.
"USO E ABUSO DEI “TERMINI DIMIDIATI” NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO" del Prof. Avv. Pietrangelo Jaricci.
"LA RIFORMA DEGLI ENTI PORTUALI NELLA PROSPETTIVA DELLA RINNOVATA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA TRASPORTISTICO NAZIONALE ED EUROPEO NEL MERCATO GLOBALIZZATO" di Alessandro Ortolani, Funzionario della Corte dei conti.
“APPUNTI SPARSI E FRAMMENTARI SUL NUOVO CODICE DELLA GIUSTIZIA CONTABILE" di Stefano Imperiali, Presidente di Sezione della Corte dei conti.
“Ubi societas ibi ius”. “Ubi ius ibi societas”. Alla ricerca dell'origine e del significato di due formule potenti"  del Prof. Renato Federici.
"AGGIORNAMENTI GIURISPRUDENZIALI IN TEMA DI GRUPPI CONSILIARI REGIONALI E RESPONSABILITA’ AMMINISTRATIVA PER SVIAMENTO DEI CONTRIBUTI RICEVUTI" di Paolo Luigi Rebecchi, Vice Procuratore Generale della Corte dei conti.
"REGOLE PROBATORIE E REGOLE DI GIUDIZIO NELL’AMMISSIONE E VALUTAZIONE GIUDIZIALE DEGLI ESITI DELL’ATTIVITÀ CONSULTIVA E DI CONTROLLO" di Fulvio Maria Longavita, Presidente della Sezione di controllo della Corte dei conti per la Regione Umbria.
"Diritto Penitenziario e Costituzione - RECLUSIONE E INCLUSIONE: UN NUOVO MODO D’ESSERE DEL SISTEMA PENITENZIARIO" della Dott.ssa Antonella Zammitti. - ABSTRACT
"LA TUTELA ANNULLATORIA NEL MODERNO ASSETTO DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA" della Dott.ssa Daniela Cimmino, Funzionario pubblica amministrazione.
"COORDINAMENTO FINANZIARIO E AUTONOMIE: I PROBLEMI CHE LA RIFORMA COSTITUZIONALE NON RISOLVEVA" di Lio Sambucci, Professore aggregato di Contabilità di Stato Sapienza – Università di Roma.
"CONVENZIONE EUROPEA, LOTTA AL TERRORISMO E RISPETTO DEI DIRITTI FONDAMENTALI. LA CEDU DI FRONTE ALLA ‘PROVA’ DEL RADICALISMO ISLAMICO. LA DEMOCRAZIA MINACCIATA: STRUMENTI DI TUTELA DEI CITTADINI E DELLE ISTITUZIONI" di Jean Paul de Jorio, Avvocato, Docente di Diritto canonico presso la Wuhan University (Repubblica Popolare Cinese).
"LA VERBALIZZAZIONE DEGLI ORGANI AMMINISTRATIVI COLLEGIALI" dell'Avv. Antonio Corsi.
"LA TUTELA DELLA SALUTE (nel nostro ordinamento) NELLA GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE E LE PRINCIPALI CRITICITA’ CHE NE METTONO IN PERICOLO L’effettività" del Dottor Franco Castellucci, Funzionario dell'INPS.
"ECCO COME LA TRASPARENZA PUÒ SALVARE L’ITALIA DAL DECLINO" di Franco Massi, Consigliere della Corte dei conti.

GIURISPRUDENZA

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale d'Appello per la Regione Sicilia - Sentenza n. 118  del 12 ottobre 2017 - La Sezione d'Appello per la Sicilia ha condannato il Rettore di un'Università, il preside di Facoltà e vari componenti del Consiglio di Facoltà a risarcire sia il danno patrimoniale indiretto sia quello da disservizio, da essi arrecati all'Ateneo nel tentativo di "pilotare" una procedura concorsuale bandita per la nomina di un professore associato. A tal proposito, il Collegio Giudicante ha evidenziato che i comportamenti complessivamente tenuti da tutti i soggetti implicati nella losca vicenda erano stati connotati da dolo intenzionale, avendo essi deliberatamente cooperato per conseguire finalità illecite ed in evidente contrasto con l'interesse pubblico, considerato che lo scopo perseguito non era stato quello di assicurare, in maniera legittima e tempestiva, all'Ateneo l'apporto scientifico e didattico di un nuovo docente professionalmente qualificato bensì quello di tentare di favorire, a tutti i costi, il figlio di un professore ordinario, all'epoca assai influente nell'ambiente accademico locale. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezione giurisdizionale d'Appello per la Regione Sicilia - Sentenza n. 112 del 19 settembre 2017 - La Sezione d'Appello della Corte dei Conti per la Sicilia ha confermato la condanna del vice sindaco di un Comune a risarcire i danni derivati dagli illegittimi e sostanzialmente inutili incarichi conferiti ad esperti esterni all'Amministrazione. In particolare, è stato evidenziato che i conferimenti degli incarichi erano avvenuti in violazione della normativa e dei fondamentali canoni giurisprudenziali, in base ai quali: l'utilizzo di soggetti esterni all'Amministrazione è consentito soltanto per far fronte, in via transitoria, ad esigenze straordinarie e ben delimitate, per il soddisfacimento delle quali occorrano competenze professionali altamente specialistiche, non rinvenibili nel personale in servizio nell'Ente Pubblico; i relativi compensi debbono essere fissati entro i limiti previsti dalle disposizioni vigenti; il conferimento dell'incarico dev'essere sempre ampiamente e congruamente motivato e non può mai prescindere dall'osservanza dei basilari principi di razionalità, trasparenza, economicità, efficienza ed efficacia dell'azione amministrativa, aventi una specifica valenza giuridica. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Veneto - Ordinanza n. 63 del 7 luglio 2017 Pres. ed Est. Carlino – P.M. Evangelista e Imposimato – Pr/c Giuseppone (Avv. Sfrecola). La nuova competenza territoriale per i processi con convenuti magistrati. Si applica anche ai fatti anteriori al nuovo Codice del Processo contabile.
Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per il Trentino Alto Adige - Sentenza n. 13 del 14 giugno 2017 - La sentenza riguarda la spesa per l’acquisto, da parte di un Comune, di un cristallo di rocca da destinare quale dono di compleanno al Presidente della Provincia. La spesa costituisce un danno per l’erario, in quanto non può farsi rientrare tra quelle sostenute per mantenere o accrescere il prestigio dell’ente e per far conoscere e apprezzare l’attività svolta in favore della collettività. La responsabilità per tale danno è stata riconosciuta sussistente in capo al segretario comunale perché la sua condotta, contraria ai doveri d’ufficio, integra la colpa grave. Alla causazione del danno risultano aver concorso anche i componenti della giunta municipale che hanno deliberato la spesa, soggetti tuttavia non convenuti in giudizio. Il concorso causale è stato individuato nella misura del 50%. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Toscana - Sentenza n. 133 del 23 maggio 2017 - Danno erariale causato all’erario del Comune di Montescudaio per avvenuto riconoscimento di un debito fuori bilancio a seguito di pignoramento presso terzi per decreto ingiuntivo non opposto. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lombardia - Sentenza n. 62 del 3 maggio 2017 -   La Sezione ha contestato, ad un Direttore dei Lavori, il danno patrimoniale diretto subito dall’amministrazione committente consistente nel pagamento, da parte di quest’ultima, di acconti di opere e materiali in eccesso rispetto a quelli effettivamente forniti dall’impresa in esecuzione di un appalto a corpo. La Sezione ha in proposito affermato che il Direttore dei Lavori, ex articolo 194 del D.P.R. n. 207/2010, deve procedere correttamente alle valutazioni di sua competenza, sicché i SAL, che costituiscono acconti corrisposti all’impresa, devono essere commisurati alla quantità e qualità delle opere effettivamente eseguite. Peraltro – ha precisato la Sezione - ai sensi dell’articolo 183 del medesimo D.P.R. ogni misurazione effettuata dal Direttore dei Lavori, qualunque sia il metodo adottato, deve corrispondere allo scopo di determinare nella maniera più precisa possibile il lavoro o la prestazione fornita, al fine di consentire il rispetto del principio di corrispondenza tra quanto eseguito e quanto liquidato in esecuzione del contratto di appalto. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Umbria - Giudice unico per le pensioni - Ordinanza n. del 15 febbraio 2017 - Questioni di massima in materia di pensioni - Possibilità delle Sezioni regionali della Corte dei conti di sollevarle - Ammissibilità del decreto  ingiuntivo - Giudice unico, Fava - Giudizi pensionistici iscritti ai numeri 12284, 12285, 12286, 12287, 12288, 12289, 12290, 12291, 12292 e 12293 del registro di segreteria promossi contro l’INPS.
Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Piemonte - Sentenza n. 13 del 10 febbraio 2017  - Non è temeraria la lite se manca la consapevolezza circa l’infondatezza della domanda - La soccombenza in giudizio di qualsiasi Amministrazione, laddove non sussistano palesi e macroscopiche motivazioni per non resistere alla pretesa avversaria e, quindi, quando la lite non appaia oggettivamente temeraria, rientra pacificamente nel cosiddetto rischio che l’Ente stesso si assume ogni volta che decida di privilegiare la predetta scelta, rischio che non può ricadere, successivamente, sull’Amministrazione medesima e sugli Organi interni che abbiano agito per salvaguardare, dopo una oculata e ponderata valutazione, gli interessi pubblici sottesi, essendo per definizione il risultato del contenzioso incardinato, comunque, potenzialmente favorevole o sfavorevole in funzione di molteplici fattori imponderabili, per nulla certi o prevedibili, i quali tendenzialmente sfuggono al pieno controllo di coloro che abbiano deciso di esperire la causa, secondo calcoli probabilistici e presuntivi del singolo caso. da www.respamm.info
Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 32 del 1 febbraio 2017 - Non è responsabile il dirigente Asl che ricorre a proroga di fatto contrattuale per la manutenzione di apparecchiature elettromedicali, in attesa dei tempi di espletamento di una successiva gara. da www.corteconti.it
Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio - Sentenza n. 16 del 16 gennaio 2017 - Sindaco e amministratore di un comune sono stati condannati a risarcire il danno al patrimonio dell’ente determinato dalla revoca, per omessa rendicontazione, di finanziamento comunitario per il recupero di beni storico artistici. da www.corteconti.it

LEGISLAZIONE

LEGGE 25 ottobre 2017, n. 163 "Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea - Legge di delegazione europea 2016-2017".  (GU n. 259 del 6-11-2017).
LEGGE 19 ottobre 2017, n. 155 "Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza. (GU n. 254 del 30-10-2017).
LEGGE 17 ottobre 2017, n. 161 "Modifiche al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, al codice penale e alle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale e altre disposizioni. Delega al Governo per la tutela del lavoro nelle aziende sequestrate e confiscate". (GU n. 258 del 4-11-2017).
LEGGE 4 agosto 2017, n. 124 "Legge annuale per il mercato e la concorrenza".  (GU n. 189 del 14-8-2017).
LEGGE 3 agosto 2017, n. 123 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, recante disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno" (GU n. 188 del 12-8-2017).
LEGGE 31 luglio 2017, n. 121 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2017, n. 99, recante disposizioni urgenti per la liquidazione coatta amministrativa di Banca Popolare di Vicenza S.p.A. e di Veneto Banca S.p.A.".  (GU Serie Generale n. 184 del 08-08-2017).
LEGGE 23 giugno 2017, n. 103 "Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all'ordinamento penitenziario". (GU n. 154 del 4-7-2017). Entrata in vigore del provvedimento: 03/08/2017.
LEGGE 21 giugno 2017, n. 96 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo". (GU n. 144 del 23-6-2017 - Suppl. Ordinario n. 31).
LEGGE 18 aprile 2017, n. 48 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14, recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città". (GU n. 93 del 21-4-2017).
LEGGE 27 febbraio 2017, n. 19 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244, recante proroga e definizione di termini. Proroga del termine per l'esercizio di deleghe legislative". (GU n. 49 del 28-2-2017).
.

OSSERVATORIO BANCARIO E FINANZIARIO IN EUROPA E NEL SISTEMA REGOLATORIO INTERNAZIONALE

"Gestione del credito deteriorato delle banche: iniziative regolamentari europee e nazionali" a cura dell’Avv. Laura Lunghi.

DOCUMENTAZIONE

Corte dei conti, Sezione di controllo per l’Umbria - Inaugurazione dell’anno giudiziario 2017 della Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Regione Umbria  - Intervento del Presidente della Sezione di controllo per la Regione Umbria Fulvio Maria Longavita.

 

     www.contabilita-pubblica.it                                                                                           ISSN 0393-5604