RIVISTA WEB

Last update:  giovedì, 14 novembre 2019 13.11.55

FASCICOLO SPECIALE N. 1-2 del 30/04/2019


Presentazione della rivista
.

"Non è la libertà che manca,

mancano gli uomini liberi".

(Leo Longanesi, 1956)

IN PRIMO PIANO

DISEGNO DI Legge di Bilancio 2020 - a.s. 1586 "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022".
.

"L’EQUITÀ" di Luisa Motolese, Presidente della Sezione Giurisdizionale Marche della Corte dei conti.

continua>>

Nota alla Sentenza  della Cassazione civile  Sez. I n. 25861  del 14 ottobre 2019, a cura di Gabriele Luberto, Dottore in economia, finanza e mercati presso l’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli.
.

Recensione al saggio di RENATO FEDERICI "RIVOLTE E RIVOLUZIONI GLI ORDINAMENTI GIURIDICI DELLO STATO E DELL’ ANTI-STATO. SULLA DIFFERENZA FRA STRUTTURE E SOVRASTRUTTURE" (Editoriale Scientifica, Napoli, 2019, p. 315, euro 16) a cura dell'Avv. Francesco Ferrara, Dottore di ricerca dell’Università di Palermo.
.

"LA STRUTTURA SANITARIA PRIVATA CONVENZIONATA NON PUÒ MODIFICARE UNILATERALMENTE LA DESTINAZIONE DI UTILIZZO DEL SINGOLO POSTO LETTO COSÌ COME INDIVIDUATA NELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE E NEGLI ATTI DI ACCREDITAMENTO. NOTA A CONS. STATO, SEZ. III, 21 GIUGNO 2019, SENT. N. 4284 (PRES. GAROFOLI – EST. PESCATORE)" di Matteo Pressi, Cultore di Diritto Regionale e degli Enti Locali Università degli Studi di Verona.

continua>>

"INTERESSI DIFFUSI E DIRITTI COLLETTIVI TRA PROCESSO AMMINISTRATIVO E PROCESSO CONTABILE" dell’Avv. Paola Serafino, Funzionario Amministrativo della Università degli Studi di Napoli Federico II.

continua>>>

.

 


 


 

.

Osservatorio degli sprechi e della corruzione a cura di Salvatore Sfrecola

Osservatorio Costituzionale a cura di Salvatore Sfrecola

Atti Convegno "La Corte dei conti nell’età del federalismo"

Speciale 150° anniversario dell’istituzione della Corte dei conti

 


   I LIBRI DI SALVATORE SFRECOLA

DOTTRINA
"IL CICLO DELLA PERFORMANCE E L’ ORGANIZZAZIONE UNIVERSITARIA" dell’Avv. Paola Serafino, Funzionario amministrativo della Università degli Studi di Napoli Federico II.

continua>>>
"IL NUOVO CODICE DELLA GIUSTIZIA CONTABILE NOVITA' E PROBLEMATICHE IRRISOLTE" dell' Avv. Fabio Landolfi, Dottore di ricerca Seconda Università degli Studi di Napoli, Perfezionato in amministrazione e finanza degli Enti locali, Docente di Diritto amministrativo Università telematica Pegaso.

continua>>>
"IL SISTEMA DI RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLE ISTITUZIONI DI ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE (AFAM)" di Giuseppe Leotta, Dottore di Ricerca in Diritto Sindacale e del Lavoro, Avvocato patrocinante dinanzi alle Magistrature Superiori e Professore di I fascia di “Diritto e Legislazione dello Spettacolo” nel Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli.

continua>>>
"IL C.N.A.M. (CONSIGLIO NAZIONALE PER L'ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE) AL GUADO FRA PASSATO E FUTURO" di Giuseppe Leotta, Dottore di Ricerca in Diritto Sindacale e del Lavoro, Avvocato patrocinante dinanzi alle Magistrature Superiori e Professore di I fascia di “Diritto e Legislazione dello Spettacolo” nel Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli.

continua>>>
"LE ISTITUZIONI DI ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE (AFAM) FRA “STATIZZAZIONE” E “PRIVATIZZAZIONE”" di Giuseppe Leotta, Dottore di Ricerca in Diritto Sindacale e del Lavoro, Avvocato patrocinante dinanzi alle Magistrature Superiori e Professore di I fascia di “Diritto e Legislazione dello Spettacolo” nel Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli.

continua>>>
"SULLA DIFESA IN GIUDIZIO DEI CONSERVATORI DI MUSICA E DELLE ACCADEMIE D’ARTE" di Giuseppe Leotta, Dottore di Ricerca in Diritto Sindacale e del Lavoro, Avvocato patrocinante dinanzi alle Magistrature Superiori e Professore di I fascia di “Diritto e Legislazione dello Spettacolo” nel Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli.

continua>>>
"TEMPI E MODALITÀ PER LA TUTELA DEI TERZI IN MERITO ALLA SCIA E ALLE VERIFICHE DELL’AMMINISTRAZIONE: I CHIARIMENTI DELLA CORTE COSTITUZIONALE" della Dott.ssa Roberta Perrella.

continua>>>
"DECRETI-LEGGE FRA realtà E finzione: UN ULTIMO CASO IL CONVERTITO DECRETO "Crescita"" del Prof. Fabrizio Giulimondi.

continua>>>
"INCARICHI RETRIBUITI, PRIVI DI AUTORIZZAZIONE, A FAVORE DI PUBBLICI DIPENDENTI: INDIVIDUAZIONE DELLA GIURISDIZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ PER VIOLAZIONE DEL REGIME DI INCOMPATIBILITÀ" di Antonio Vetro, Presidente on. della Corte dei conti.

continua>>>
"L’ISTITUTO DELL’ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO NELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E NEGLI APPALTI PUBBLICI" dell'Avv. Andrea Altieri, Docente di Diritto Amministrativo presso l’Università degli Studi Link Campus.

continua>>>
"LA difficile integrazione tre la disciplina di prevenzione della corruzione e le competenze regionali nella gestione dei rifiuti" dell’Avv. Prof. Adriano Tortora.

continua>>>
"LA TRASMISSIBILITÀ AGLI EREDI DEL DEBITO CONSEGUENTE ALLA CONDANNA DEL PUBBLICO AMMINISTRATORE O DIPENDENTE IN SEDE DI GIUDIZIO PER RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DINANZI ALLA CORTE DEI CONTI: PROBLEMATICHE SULLA GIURISDIZIONE" di Antonio Vetro, Presidente on. della Corte dei conti.

continua>>>
"LA RIDONDANZA DEL VIZIO DI INCOMPETENZA LEGISLATIVA NEL GIUDIZIO DI PARIFICAZIONE (Corte costituzionale Sentenza n. 196/2018)" di Pelino Santoro, Presidente on. della Corte dei conti.

continua>>>
GIURISPRUDENZA  a cura di Giuseppe Girone                                                                                                 ARCHIVIO

Corte dei conti

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 408 del 16 ottobre 2019 - L’elezione di domicilio costituisce un atto ontologicamente distinto dalla procura alle liti e perciò conserva la sua validità in ogni stato e grado del giudizio a meno che non risulti limitata espressamente, o collegata strettamente ad un dato grado o fase del giudizio stesso. Nel giudizio contabile, diversamente da quello penale, l’accertamento del nesso di causalità tra l’omissione di una condotta dovuta e l’evento dannoso va valutato in termini probabilistici secondo il principio del “più probabile che non”. L’osservanza delle linee guida non esclude la responsabilità del sanitario, restando impregiudicata la discrezionalità del giudice nel valutare la conformità della condotta tenuta alla specificità del caso concreto. La responsabilità medica rientra in un’ipotesi di responsabilità contrattuale, che trova fondamento nel “contatto sociale” tra sanitario e paziente, con conseguente inversione dell’onere della prova, posto in capo al danneggiante, circa l’insussistenza di condotta imputabile. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 375 del 19 settembre 2019 - Non si ravvisa rapporto di pregiudizialità logico-giuridica che possa giustificare la sospensione del giudizio contabile in pendenza di giudizio penale se i fatti contestati nel primo giudizio siano del tutto differenti da quelli perseguiti in ambito penale. L’esistenza di un occultamento doloso del danno può ritenersi provata, prescindendo dall’eventuale imputazione penale del convenuto, anche dalla omissione di un doveroso obbligo informativo che precluda l’obiettiva conoscibilità del danno per l’amministrazione datrice di lavoro. L’indennità cosiddetta “De Maria” introdotta a favore del personale universitario in servizio presso Aziende ospedaliere ha natura perequativa, e pertanto si differenzia dalle indennità corrisposte in seguito alla scelta del rapporto di lavoro a tempo pieno ed in regime di esclusiva. La responsabilità amministrativa del dipendente pubblico in regime di esclusiva per i compensi percepiti a seguito di attività non previamente autorizzate non è esclusa per il solo fatto che il dipendente li abbia indicati nelle dichiarazioni dei redditi, non potendo ravvisarsi un potere ispettivo e di controllo sui dati fiscali in capo all’amministrazione. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 368  del 19 settembre 2019 - La mancata comunicazione all'esercente la professione sanitaria, da parte delle strutture sanitarie e delle imprese di assicurazione, dell'instaurazione di un giudizio promosso nei loro confronti o dell'avvio di trattative stragiudiziali con il danneggiato non determina l’inammissibilità dell’azione di responsabilità amministrativa, se i fatti risultano antecedenti all’entrata in vigore della legge Gelli-Bianco di riforma della responsabilità medica. Un comportamento riprovevole in quanto non rispondente perfettamente alle regole della scienza e dell’esperienza, unitamente ad una serie di errori indubbiamente non scusabili per la loro grossolanità o per l’assenza di cognizioni mediche fondamentali attinenti alla professione sono elementi idonei a qualificare l’elemento soggettivo della colpa grave nella condotta del sanitario. Il nesso di causalità tra la condotta dell’operatore sanitario e l’evento dannoso sussiste anche quando l’opera del professionista, se correttamente e prontamente svolta, avrebbe avuto non già la certezza, bensì serie ed apprezzabili probabilità di successo. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Ordinanza n. 55 del 6 settembre 2019 - Al fine di determinare se la competenza sulla domanda di sequestro conservativo, avanzata dalla procura regionale in pendenza dei termini per l’impugnazione, spetti al presidente della sezione territoriale o al giudice di appello, rileva, secondo il tenore letterale dell’articolo 75 del codice di giustizia contabile, la data di presentazione della domanda di sequestro e non quella di autorizzazione o di notifica del conseguente provvedimento cautelare. La “pendenza” del giudizio in appello, che giustifica la proposizione della domanda di sequestro al giudice di secondo grado, si considera avvenuta solo con il deposito dell’atto di appello presso la segreteria della sezione centrale, poiché in tale momento si determina la costituzione del rapporto processuale anche nei confronti del giudice di appello. Nella fase cautelare è ammesso l’intervento in giudizio del terzo volto a portare alla cognizione del giudice fatti idonei anche a limitare la portata del sequestro conservativo, al fine di consentire la corretta quantificazione dell’entità del patrimonio del sequestrato. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione Terza giurisdizionale di Appello - Sentenza n. 159 del 29 agosto 2019  - In materia di rimborso spese ai Consiglieri regionali, erogate dal fondo di assistenza alle attività istituzionali, fermo restando il vincolo dell’inerenza con le specifiche finalità pubbliche, non sussiste responsabilità amministrativa motivata dall’assenza di rendicontazione analitica delle spese. Al riguardo, poiché vige il rimborso c.d. à forfait non è possibile introdurre in via interpretativa alcun obbligo, neanche postumo, di rendicontazione. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione Terza giurisdizionale di Appello - Sentenza n. 141 del 29 luglio 2019 - La c.d. esimente politica ex art. 122, comma 4, Cost. non può estendersi a tutela delle attività relative alla gestione di risorse finanziarie per le quali sussiste la giurisdizione della Corte dei conti. In materia di rimborso spese ai Consiglieri regionali, erogate dal fondo di assistenza alle attività istituzionali, poiché la legge prevede esclusivamente la modalità di rimborso in misura forfettaria non sussiste responsabilità amministrativa motivata dall’assenza di rendicontazione analitica delle spese. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 293 del 24 luglio 2019 - Il mancato rispetto dell’obbligo di svolgimento dell’attività per un determinato arco temporale, assunto in sede di percezione di una sovvenzione pubblica, comporta uno sviamento “ab origine” dell’interesse pubblico perseguito con il finanziamento. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione Terza giurisdizionale di Appello - Sentenza n. 127 del 27 giugno 2019 - Comporta responsabilità amministrativa l’erroneo calcolo degli oneri di urbanizzazione posti a carico dei privati ai quali è rilasciata la concessione edilizia. Il termine di prescrizione decorre dalla data di rilascio del titolo edilizio. Fermo restando la concorrente responsabilità degli organi di governo dell’Ente, causa danno erariale la condotta del responsabile dell’ufficio tecnico che non abbia segnalato, tra l’altro, la necessità di adottare la delibera di adeguamento dei costi in esame sulla base delle variazioni ISTAT. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione giurisdizionale per la regione Calabria - Sentenza n. 233 del 18 giugno 2019 - Non si realizza la “translatio iudicii” qualora l’adattamento della domanda proposta dinanzi al giudice “ad quem” travalichi i limiti della “emendatio libelli” e, dunque, la domanda modificata non si ponga, rispetto a quella originaria, in un rapporto di connessione per alternatività, bensì si cumuli alla stessa. Il giudizio ad istanza di parte, tendente al mero accertamento negativo di responsabilità, per la natura cognitoria che lo caratterizza, è attivabile se supportato da un interesse all’anticipazione del giudizio di responsabilità, non potendo trovare applicazione allorché l’istanza sia avanzata per far valere contestazioni riconducibili alla fase esecutiva di un giudizio di responsabilità già definito. In caso di decesso del convenuto il cui debito risarcitorio sia stato già accertato dal giudice contabile con sentenza passata in giudicato, la trasmissione del debito agli eredi non è automatica, ma presuppone il preventivo accertamento che il “de cuius” si sia illecitamente arricchito e che anche gli eredi se ne siano giovati e tale accertamento va effettuato pendente il giudizio dinanzi al giudice contabile. Le contestazioni concernenti il problema se esista o meno un titolo esecutivo possono riguardare soltanto la legittimità dell’esecuzione, ma non la giurisdizione, la quale resta attribuita al giudice ordinario dell’esecuzione, quale unico giudice competente sulla materia. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti - Controllo e consulenza

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Campania - Deliberazione n. 148 del 17 luglio 2019 - La Corte dei conti dubita della legittimità costituzionale dell'art. 29, c. 1, lett. c), del d.lgs. n.118/2011, relativamente alla valutazione del patrimonio delle ASL e alla relativa contabilità economica.
.

Corte dei conti, Sezioni delle Autonomie - Delibera n. 2 del 21 dicembre 2018 - Possibilità di riconoscere gli incentivi previsti dall’art. 113 del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 (Codice dei contratti pubblici) anche per le funzioni tecniche svolte dai dipendenti pubblici in relazione ai lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. da www.corteconti.it
.

Corte dei conti, Sezione di controllo sugli enti - Determinazione n. 132 del 20 dicembre 2018 - Determinazione e Relazione sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria dell' Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) per l’esercizio 2017. da www.corteconti.it
.

Corte Costituzionale

Corte costituzionale - Sentenza n. 18 del 19 febbraio 2019 - Pres. Lattanzi, est. Carosi - Corte dei conti - Controllo legittimità cogente - Legittimazione questioni costituzionalità. Enti locali strutturalmente deficitari - Rimodulazione piani riequilibrio – Restituzione trentennale anticipazioni. Violazione principi costituzionali. La pregiudiziale della legittimazione della sezione regionale di controllo della Corte dei conti a sollevare questioni di legittimità costituzionale va risolta in senso affermativo, in coerenza con la sentenza n. 226 del 1976, che ha individuato i requisiti necessari e sufficienti affinché le questioni sollevate dalla Corte dei conti in sede di controllo preventivo di legittimità sugli atti possano considerarsi promanare da un «giudice» nel corso di un «giudizio», considerato che il controllo sui bilanci e sugli equilibri finanziari degli enti locali, così come disciplinati dal decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, è ascrivibile al controllo di legittimità-regolarità, ed è munito di una definitività che non è reversibile se non a opera della stessa magistratura dalla quale il provvedimento promana. La normativa derogatoria che consente di dilazionare il piano di riequilibrio finanziario degli enti locali in un periodo trentennale contrasta con gli articoli 81 e 97 della Costituzione sotto tre diversi profili: 1) violazione dell’equilibrio del bilancio, in relazione alla maggiore spesa corrente autorizzata nell’arco del trentennio; 2) violazione dell’equità intergenerazionale, per aver caricato sui futuri amministrati gli oneri conseguenti ai prestiti contratti nel trentennio per alimentare la spesa corrente; 3) violazione del principio di rappresentanza democratica, perché sottrae agli elettori e agli amministrati la possibilità di giudicare gli amministratori sulla base dei risultati raggiunti e delle risorse effettivamente impiegate nel corso del loro mandato.
.

Corte costituzionale - Sentenza n. 196 del 9 novembre 2018 - Pres. Lattanzi, red. Sciarra. - L. R. Regione Liguria n. 10 e 42/2008. Corte dei conti - Giudizio di parifica - Legittimazione questioni costituzionalità. Corte dei conti - Giudizio di parifica - Questioni costituzionalità - Parametri scrutinio - Violazione equilibri finanziari. Corte dei conti - Questioni costituzionalità - Violazione competenza legislativa Stato - Ridondanza. Le sezioni regionali di controllo della Corte dei conti in sede di giudizio di parificazione dei rendiconti regionali sono legittimate a sollevare questioni di costituzionalità, sussistendo tutte le condizioni richieste quali: a) applicazione di parametri normativi; b) giustiziabilità del provvedimento in relazione a situazioni soggettive dell’ente territoriale eventualmente coinvolte c) pieno contraddittorio, sia nell’ambito del giudizio di parifica esercitato dalla sezione di controllo della Corte dei conti, sia nell’eventuale giudizio ad istanza di parte. La legittimazione in sede di giudizio di parificazione è stata riconosciuta, con riferimento ai parametri costituzionali posti a tutela degli equilibri economico finanziari. ai quali vanno ora accostati, ai limitati fini del presente giudizio e alla luce delle peculiarità di esso, i parametri attributivi di competenza legislativa esclusiva allo Stato, poiché in tali casi la Regione manca per definizione della prerogativa di allocare risorse. La violazione della sfera di competenza esclusiva legislativa statale in materia di ordinamento civile comporta l’illegittimità dell’iniziativa del legislatore regionale che ha disposto una spesa priva di copertura normativa, e quindi lesiva dell’art. 81, quarto comma, Cost., in quanto relativa a una voce (indennità vicedirigenti regionali e istituzione del ruolo) avvenuta senza il necessario fondamento della contrattazione collettiva.
.

Corte Costituzionale, Sentenza n. 6 dell'11 gennaio 2017 - Disavanzo tecnico e il principio di equilibrio di bilancio Breve nota di commento a cura del Dottor Salvatore Ganci, Funzionario della Corte dei conti.
.

Corte Costituzionale, Sentenza n. 251 del 25 novembre 2016 - Riforma della P.A. - Sintesi della sentenza n. 251 del 2016 relativa ad alcune deleghe della legge di riforma delle pubbliche amministrazioni.
..

Corte di Cassazione

Corte di Cassazione – Sezioni unite civili Sentenza n. 24675 del 19 ottobre 2017 - L'usura sopravvenuta non ha diritto di cittadinanza nel nostro ordinamento giuridico. Breve nota di commento a cura del Dottor Salvatore Ganci, Funzionario della Corte dei conti.
.

Corte di Cassazione – Sezioni unite civili – Sentenza n. 16601 del 5 luglio 2017 - Punitive demages e natura della responsabilità civile - Breve nota di commento a cura del Dottor Salvatore Ganci, Funzionario della Corte dei conti.
.

Consiglio di Stato

Consiglio di Stato, sede giurisdizionale (Sez. Terza) - Ordinanza n. 5003 del 22 agosto 2018 - Alimenti - Tutela – Denominazione origine protetta – Mozzarella di bufala – Produzione in locali separati – Art. 4, d.l. n. 91 del 2014 – Compatibilità artt. 3, 26, 32, 40 e 41 del TFUE e gli artt. 1, 3, 4, 5 e 7 del Regolamento 1151/2012/UE – Rimessione alla Corte di Giustizia UE - E’ rimessa alla Corte di Giustizia UE la questione se gli artt. 3, 26, 32, 40 e 41 del TFUE e gli artt. 1, 3, 4, 5 e 7 del Regolamento 1151/2012/UE, recante la disciplina sulle Denominazioni di Origine Protette, che impongono agli Stati membri di garantire sia la libera concorrenza dei prodotti all'interno dell'Unione europea sia la tutela dei regimi di qualità per sostenere le zone agricole svantaggiate, debbano essere interpretati nel senso che osta a che, secondo il diritto nazionale (dell'art. 4, d.l. 24 giugno 2014, n. 91, così come convertito dalla l. 11 agosto 2014, n. 116) sia stabilita una restrizione nell'attività di produzione della mozzarella di bufala Campana Dop da effettuarsi in stabilimenti (e locali) esclusivamente dedicati a tale produzione, e nei quali è vietata la detenzione e lo stoccaggio di latte proveniente da allevamenti non inseriti nel sistema di controllo della Dop mozzarella di bufala Campana. da www.giustizia-amministrativa.it
.

Consiglio di Stato Sez. III Giur. - Sentenza n. 1743 del 3 maggio 2016 - Il Consiglio di Stato si pronuncia in materia di interdittiva antimafia con una minuziosa ricostruzione normativa dell'istituto. da www.giustizia-amministrativa.it
.

OSSERVATORIO SULLA LEGISLAZIONE a cura di Giuseppe Girone                                                                             ARCHIVIO

PRINCIPALI DISEGNI  DI LEGGE IN FASE DI CONVERSIONE

DISEGNO DI Legge semplificazioni - A.C. 1074 "Disposizioni per la semplificazione fiscale, il sostegno delle attività economiche e delle famiglie e il contrasto dell'evasione fiscale". (Approvato con modificazioni  il 14 maggio 2019 e trasmesso al Senato). - A.S. 1294
.

DISEGNO DI Legge Deleghe miglioramento PA - A.S. 1122 "Deleghe al Governo per il miglioramento della pubblica amministrazione".
.

DISEGNO DI Legge razionalizzazione ordinamento militare - A.S. 1152 "Delega al Governo per la semplificazione e la razionalizzazione della normativa in materia di ordinamento militare".
.

DISEGNO DI Legge autorità indipendenti - A.S. 89 "Norme in materia di indipendenza, trasparenza e terzietà delle Autorità indipendenti".
.

PRINCIPALI DISEGNI DI LEGGE APPROVATI

DISEGNO DI Legge di delegazione Europea 2018 - A.C. 1201 "Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea - Legge di delegazione europea 2018". (Approvato con modificazioni  il 13 novembre 2018 e trasmesso al Senato). - A.S. 944 (Approvato con modificazioni  il 30 luglio 2019 e trasmesso alla Camera dei Deputati). - A.C. 1201-B (Approvato definitivamente il 1 ottobre 2019).

LEGGE 4 ottobre 2019, n. 117 "Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea - Legge di delegazione europea 2018"  (GU n. 245 del 18-10-2019). - Entrata in vigore del provvedimento: 02/11/2019.
.

PRINCIPALI DECRETI LEGGE IN FASE DI CONVERSIONE

DECRETO-LEGGE FISCALE -  DECRETO-LEGGE 26 ottobre 2019, n. 124 "Disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili". (GU Serie Generale n. 252 del 26-10-2019). - Entrata in vigore del provvedimento: 27/10/2019.

A.C. 2220 "Conversione in legge del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili".
.

DECRETO-LEGGE RIORGANIZZAZIONE MINISTERI -  DECRETO-LEGGE 21 settembre 2019, n. 104 "Disposizioni urgenti per il trasferimento di funzioni e per la riorganizzazione dei Ministeri per i beni e le attività culturali, delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, dello sviluppo economico, degli affari esteri e della cooperazione internazionale, delle infrastrutture e dei trasporti e dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonché per la rimodulazione degli stanziamenti per la revisione dei ruoli e delle carriere e per i compensi per lavoro straordinario delle Forze di polizia e delle Forze armate e per la continuità delle funzioni dell'Autorità' per le garanzie nelle comunicazioni" (GU n. 222 del 21-9-2019) - Entrata in vigore del provvedimento: 22/09/2019.

A.S. 1493 "Conversione in legge del decreto-legge 21 settembre 2019, n. 104, recante disposizioni urgenti per il trasferimento di funzioni e per la riorganizzazione dei Ministeri per i beni e le attività culturali, delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, dello sviluppo economico, degli affari esteri e della cooperazione internazionale, delle infrastrutture e dei trasporti e dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonché per la rimodulazione degli stanziamenti per la revisione dei ruoli e delle carriere e per i compensi per lavoro straordinario delle Forze di polizia e delle Forze armate e per la continuità delle funzioni dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ". (Approvato con modificazioni il 6 novembre 2019 e trasmesso alla Camera dei Deputati). - A.C. 2242 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 21 settembre 2019, n. 104, recante disposizioni urgenti per il trasferimento di funzioni e per la riorganizzazione dei Ministeri per i beni e le attività culturali, delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, dello sviluppo economico, degli affari esteri e della cooperazione internazionale, delle infrastrutture e dei trasporti e dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonché per la rimodulazione degli stanziamenti per la revisione dei ruoli e delle carriere e per i compensi per lavoro straordinario delle Forze di polizia e delle Forze armate e per la continuità delle funzioni dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni".
.

PRINCIPALI DECRETI LEGGE APPROVATI

DECRETO-LEGGE SICUREZZA NAZIONALE CIBERNETICA - DECRETO-LEGGE 21 settembre 2019, n. 105 "Disposizioni urgenti in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica. (GU n. 222 del 21-9-2019). - Entrata in vigore del provvedimento: 22/09/2019.
.
A.C. 2100 "Conversione in legge del decreto-legge 21 settembre 2019, n. 105, recante disposizioni urgenti in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica". (Approvato con modificazioni il 23 ottobre 2019 e trasmesso al Senato). - A.S. 1570 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 21 settembre 2019, n. 105, recante disposizioni urgenti in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica". (Approvato con modificazioni il 7 novembre2019 e trasmesso alla Camera dei Deputati). - A.C. 2100-B (Approvato definitivamente il 13 novembre, non ancora pubblicato).
.

DECRETO-LEGGE tutela del lavoro - DECRETO-LEGGE 3 settembre 2019, n. 101 "Disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali". (GU n. 207 del 4-9-2019). - Entrata in vigore del provvedimento: 05/09/2019.

A.S. 1476 "Conversione in legge del decreto-legge 3 settembre 2019, n. 101, recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali". (Approvato con modificazioni il 23 ottobre 2019 e trasmesso alla Camera dei Deputati). - A.C. 2203 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 settembre 2019, n. 101, recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali". (Approvato definitivamente il il 31 ottobre).

LEGGE 2 novembre 2019, n. 128 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 settembre 2019, n. 101, recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali". (GU n. 257 del 2-11-2019). Entrata in vigore del provvedimento: 03/11/2019.
.

DECRETI LEGISLATIVI - DPCM

DECRETO SOCIETÀ PARTECIPATE - DECRETO LEGISLATIVO 16 giugno 2017, n. 100 "Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175, recante testo unico in materia di societa' a partecipazione pubblica". (GU Serie Generale n. 147 del 26-06-2017).
.

DECRETO MODIFICHE CODICE DEI CONTRATTI - DECRETO LEGISLATIVO 19 aprile 2017, n. 56 "Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50". (GU Serie Generale n. 103 del 5-5-2017 - Suppl. Ordinario n. 22).
.

DECRETO CODICE DI GIUSTIZIA CONTABILE - DECRETO LEGISLATIVO 26 agosto 2016, n. 174 "Codice di giustizia contabile, adottato ai sensi dell'articolo 20 della legge 7 agosto 2015, n. 124". (GU Serie Generale n. 209 del 7-9-2016).
.

Decreti Presidente della REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 25 novembre 2010, n. 223 "Regolamento recante semplificazione e riordino dell'erogazione dei contributi all'editoria, a norma dell'articolo 44 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. (GU n. 299 del 23-12-2010).
.

VARIE

PCM - DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA - Circolare n. 6 del 4 dicembre 2014 - Interpretazione e applicazione dell'articolo 5, comma 9, del decreto-legge n. 95 del 2012, come modificato dall'articolo 6 del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90. (GU Serie Generale n. 37 del 14-2-2015). - «Incarichi dirigenziali a soggetti in quiescenza».
.

OSSERVATORIO BANCARIO E FINANZIARIO IN EUROPA E NEL SISTEMA REGOLATORIO INTERNAZIONALE
a cura dell'Avv. Laura Lunghi

PRESENTAZIONE

Il sistema europeo dei controlli pubblici sulle banche è stato interessato nel corso degli ultimi anni da un radicale processo evolutivo che super il modello della vigilanza armonizzata, cui si era sinora ispirata la legislazione europea, verso la realizzazione di una vera e propria Unione Bancaria, caratterizzata da una vigilanza integrata pienamente a livello sovranazionale........continua
.

"Profili giuridici della distribuzione assicurativa: la Direttiva (UE) 2016/97" di AA.VV..

continua>>>

SEGNALAZIONI

Corte dei conti - Intervento del Presidente della Sezione di controllo della Corte dei conti per la Campania, Fulvio Maria Longavita, alla cerimonia di apertura dell'anno giudiziario 2019.
.

Presentazione del volume a cura di Vito Tenore "La nuova Corte dei Conti: responsabilità, pensioni, controlli" (Giuffrè) presso la Scuola Nazionale dell'Amministrazione - Roma 17 ottobre 2018 da www.radioradicale.it
.

Corte dei conti, Sezioni Riunite in sede di controllo - Audizione del Presidente della Corte dei conti Angelo Buscema sulla Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza 2018 presso le Commissioni riunite Bilancio della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.
.

Corte dei conti, Sezione di controllo per l'Umbria - Giudizio di parificazione del rendiconto generale della Regione Umbria - Relazione orale del Presidente della Sezione Fulvio Maria Longavita - Udienza del 10 luglio 2018.
.

Corte dei conti, Sezione di controllo per l'Umbria - Inaugurazione dell’anno giudiziario 2018 della Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Regione Umbria - Intervento del Presidente Fulvio Maria Longavita.
.

RECENSIONI

Recensione al saggio di RENATO FEDERICI "RIVOLTE E RIVOLUZIONI GLI ORDINAMENTI GIURIDICI DELLO STATO E DELL’ ANTI-STATO. SULLA DIFFERENZA FRA STRUTTURE E SOVRASTRUTTURE" (Editoriale Scientifica, Napoli, 2019, p. 315, euro 16) a cura dell'Avv. Francesco Ferrara, Dottore di ricerca dell’Università di Palermo.
.